Close
Identità digitale: la delega per l’INPS

Delega identità digitale per l’INPS

Delega identità digitale per l’INPS

 

Addio al PIN per i Servizi online offerti dall’INPS agli utenti.

Da ottobre, l’accesso è solo mediante identità digitale: CNS Carta Nazionale dei Servizi, CIE o SPID.

Una grossa novità per gli utenti, tranne per i residenti all’estero privi di un documento di riconoscimento italiano, che continueranno a utilizzare il PIN.

Nulla cambia per professionisti, intermediari, operatori di enti, persone giuridiche e simili: restano valide le abilitazioni precedentemente ottenute, associate al codice fiscale degli utenti e non alle proprie credenziali.

 

Delega dell’identità digitale: un aiuto per anziani e non solo

 

La novità potrebbe disorientare chi, per età o salute, non opera in totale autonomia.

In questi casi, arriva in aiuto la delega dell’identità digitale, introdotta dalla Circolare INPS nr. 127 del 2021.

Lo strumento, valido anche per le richieste agli sportelli fisici dell’Istituto, consente al delegato di accedere ai servizi online dell’INPS a nome e per conto del delegante: autenticandosi con la propria identità digitale, basta indicare – quando la schermata lo richiede – di voler operare non a nome proprio, ma del delegante.

Per fare un esempio: un soggetto già in possesso di un dispositivo ID InfoCamere – contenente sia la Firma digitale che la CNS Carta Nazionale dei Servizi – riceve la delega di un familiare. In questo modo, può consultare il cedolino del delegante, richiedere a suo nome il sussidio di disoccupazione, calcolarne il futuro trattamento pensionistico o semplicemente cercare informazioni o inviare documenti. E, a tutela del delegante, ogni attività è tracciata e conservata.

 

Come richiedere la delega dell’identità digitale

 

La delega è conferibile a una sola persona (che, a propria volta, potrà riceverne al massimo cinque), è attribuibile con scadenza o a tempo indeterminato ed è revocabile in qualsiasi momento.

La pratica deve essere avviata direttamente dal delegante in un qualsiasi ufficio INPS seguendo questi passaggi:

 

  • – prenotare un appuntamento allo sportello;
  • – portare con sé l’apposito modulo compilato;
  • – consegnare la copia del documento di riconoscimento del delegante.

 

Una volta verificata l’identità del richiedente, l’operatore registra la delega nel sistema dell’INPS che invierà una notifica ai recapiti indicati nella richiesta, sia al delegato che al delegante.

 

Delega dell’identità digitale: alcune eccezioni

 

In alcune situazioni, varia l’applicazione delle regole fin qui descritte nonché la tipologia di moduli e i documenti da presentare.

È il caso, ad esempio, di tutori, curatori, amministratori di sostegno che esercitano i diritti dei soggetti rappresentati. In questi casi, la richiesta di registrazione della delega non avviene da parte del delegante.

Sono proprio queste figure, invece, a presentarla, autocertificando la rappresentanza legale – salva verifica dell’INPS della veridicità della dichiarazione resa – oppure esibendo copia del provvedimento di nomina emesso dal giudice.

Peraltro, non è previsto il limite massimo di cinque deleghe. Al contempo, a chi è sotto tutela, curatela o amministrazione di sostegno non è riconosciuto il diritto alla revoca della delega.

Analoga facoltà viene riconosciuta a:

 

  • – chi esercita la potestà genitoriale che, autocertificandola, può presentare l’istanza per conto dei minori;
  • – delegati di soggetti allettati per lungo tempo o ricoverati o impossibilitati per patologie agli spostamenti, che possono richiederla producendo la certificazione, a firma di un medico del SSN, delle condizioni degli assistiti.

 

Un passo avanti nella digitalizzazione dell’Italia

 

L’interazione solo tramite Identità digitale sarà gradualmente estesa a tutte le PA – dal fisco agli enti locali – con benefici crescenti per l’efficienza dell’Amministrazione e, soprattutto, per i cittadini: sarà infatti molto più comodo e rapido avviare e portare avanti pratiche, inoltrare richieste, presentare reclami e ricevere riscontri ufficiali.

Per l’Identità e la Firma digitale garantite e rilasciate dalle Camere di Commercio, scopri le soluzioni di Id InfoCamere.

Ora attivabili anche con video-riconoscimento.

Consenso all'utilizzo dei cookies

Fai click su "Accetta" per consentire l'utilizzo dei cookies analitici e di profilazione per aiutarci ad analizzare l'utilizzo del nostro portale e per inivarti suggerimenti in linea con le tue esperienze.
Se non desideri che i cookie vengano impiegati a tale scopo, fai click su "Rifiuta" e potrai proseguire nella navigazione con i soli cookie tecnici (necessari per il funzionamento del sito).