Close
italia economia sociale

Economia Sociale: 223 milioni per gli enti del settore

Dal 13 ottobre al via le domande per il finanziamento agevolato “Italia Economia Sociale”, con in dotazione 223 milioni di euro totali a sostegno delle imprese dell’economia sociale e di quelle culturali e creative, per il raggiungimento di obiettivi di interesse pubblico e sociale.

 

Per partecipare al bando serve inviare la domanda telematica e sottoscriverla con Firma Digitale.

 

Per farlo si può utilizzare ID InfoCamere, le soluzioni di CNS Carta Nazionale dei Servizi e Firma Digitale garantite dalle Camere di Commercio d’Italia.

 

Ti serve una Firma Digitale?
Richiedi ID InfoCamere online con SPID Livello 2 oppure prenota un video-riconoscimento.

 

 

Italia Economia Sociale: i destinatari

 

 

L’agevolazione è dedicata a:

 

  • imprese sociali
  • – cooperative sociali e i consorzi
  • – società cooperative con qualifica di ONLUS
  • – imprese culturali e creative 

 

Per presentare la domanda le imprese devono:

 

  • – non essere in liquidazione volontaria o nel mezzo di un concorso
  • – disporre già di una delibera di finanziamento adottata dalla Banca finanziatrice
  • – non aver delocalizzato l’impresa nei due anni precedenti la presentazione della domanda e non farlo nei due successivi. 

 

Le imprese possono presentare i programmi in forma congiunta, anche in collaborazione con centri di trasferimento tecnologico, stazioni sperimentali, digital innovation hub e incubatori d’impresa, fino ad un massimo di sei soggetti co-proponenti.

 

 

Italia Economia Sociale: programmi e spese ammissibili

 

 

I programmi d’investimento devono prevedere:

 

  • – inclusione sociale di soggetti vulnerabili
  • – incremento occupazionale dei lavoratori con disabilità
  • – salvaguardia e valorizzazione dei beni storico-culturali 
  • – valorizzazione e salvaguardia dell’ambiente, rigenerazione urbana, turismo sostenibile e sostenibilità ambientale dell’attività di impresa.

 

Le spese ammesse a Italia Economia Sociale sono di minimo 100 mila euro e massimo 10 milioni di euro, al netto dell’IVA, per:

 

  • – acquisto di suolo aziendale (non oltre 10% del finanziamento) e sistemazioni 
  • – opere edili/murarie, comprese le ristrutturazioni
  • – macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica
  • – programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate su nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi (non oltre il 50% del finanziamento).

 

 

Italia Economia Sociale: risorse disponibili

 

 

Si accede a Italia Economia Sociale richiedendo un finanziamento bancario a tasso di mercato. 

 

Questo finanziamento copre fino al 80% massimo delle spese totali che l’impresa deve sostenere, di cui il 70% passa a tasso agevolato (0.5% annuo) se la domanda di partecipazione è approvata.  

 

Inoltre, nel totale delle spese ammesse alle agevolazioni è possibile anche un contributo a fondo perduto di importo compreso tra il 5% e il 20%. Il contributo è sempre pari al 20% per le imprese che assumono nuovi lavoratori con disabilità, per le spese connesse all’assunzione.

 

 

Italia Economia Sociale: come fare domanda

 

 

È possibile fare domanda dal 13 ottobre 2022, ore 12:00.

La domanda deve essere inviata tramite PEC, e obbligatoriamente sottoscritta con Firma Digitale dal legale rappresentante dell’impresa o da un suo procuratore.

 

Vuoi partecipare a Italia Economia Sociale e ti manca una Firma Digitale?

Scegli ID Firma Digitale+, il kit di Firma Digitale con la Firma Remota subito attiva e pronta all’uso.

 

Alla domanda di agevolazione bisogna allegare alcuni documenti, tra cui:

 

  1. 1. la scheda tecnica, con i principali dati dell’impresa
  2. 2. la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà riguardo le dimensioni di impresa
  3. 3. la delibera di finanziamento rilasciata dalla Banca finanziatrice
  4. 4. il piano progettuale, compresa la fattibilità economico-finanziaria e tecnica del programma di investimento

 

Sai dove puoi trovare gratuitamente i primi due documenti?

Accedi al cassetto digitale dell’imprenditore per averli subito.